Credit Default Swap (CDS): cosa sono e come funzionano

Credit Default Swap (CDS): cosa sono e come funzionano
- Scritto da: Federica - Finanza - Capire la finanza

Cosa sono i Credit Default Swap (CDS)? E come funzionano? La guida a questo strumento finanziario.

Negli ultimi anni nel mondo della Finanza si è sentito parlare sempre più spesso dei Credit Default Swap, detti anche CDS, ma cosa sono?

Questo tipo di strumento finanziario è sempre più utilizzato, in particolare nei periodi che seguono le crisi finanziarie. Anche per questo motivo è sempre più importante conoscere come funzionano i Credit Default Swap e la loro definizione.

Per evitare di farsi cogliere impreparati su degli strumenti che spesso risultano oscuri ai più, ecco una breve guida che spiega cos’è un CDS e come funziona.

Credit Default Swap (CDS): cosa sono?

I Credit Default Swap sono degli strumenti finanziari che hanno lo scopo di proteggere una parte creditrice dal rischio di default della parte debitrice.

Tale strumento non è affatto recente ed è nato negli anni ’90, quando la banca americana Jp Morgan ha emesso il primo CDS.

Nonostante nascano come strumenti di protezione, se ne viene fatto un uso speculativo i Credit Default Swap possono anche causare diversi problemi al mercato, come avvenne nel 2008 quando furono alla base della crisi dei mutui subprime negli Stati Uniti.

Questi strumenti sono derivati finanziari creditizi che hanno lo scopo di permettere agli operatori finanziari di proteggersi dal rischio di fallimento e possono essere considerati una specie di assicurazione finanziaria. Vediamo nel dettaglio come funzionano.

Credit Default Swap (CDS): come funzionano?

Come abbiamo abbondantemente sottolineato i Credit Default Swap servono a proteggere i creditori (protection buyer) dal rischio di credito dei debitori (reference entity).

Per farlo si passa attraverso la stipula di un accordo con un terzo intermediario definito protecion seller, ma qual è il suo ruolo?

Per spiegarlo in modo molto semplice possiamo dire che l’investitore che vanta un credito da un debitore corre il rischio che quest’ultimo fallisca e che il credito a suo favore diventi non più esigibile oppure perda di valore.

Per evitare ciò si rivolge al protecion seller che prende l’impegno di risarcire il creditore nell’eventualità in cui si verifichi la situazione suddetta.

Il protection seller, in cambio del risarcimento, riscuote periodicamente un importo che costituisce il prezzo della copertura.

Questo tipo di accordo che si stipula tra il protection buyer e il protecion seller costituisce il Credit Default Swap.