Edilizia, nasce in veneto il fondo dі garanzia fidi

- Scritto da: martina -

Grazie alla collaborazione tra Regione del Veneto e Ance Veneto, nasce il Fondo di Garanzia Fidi. Sono stati stanziati, infatti, 5 milioni di euro dalla Regione stessa che saranno destinati ad interventi a favore dei Consorzi-Fidi a beneficio delle piccole e medie imprese venete del settore dell’industria edile. Ance Veneto, oltre ad aver partecipato alla definizione della convenzione per facilitare l’utilizzo di questo strumento alle imprese, ha individuato in Neafidi il principale soggetto gestore delle somme assegnate e con esso ha definito un accordo politico. Ora, per la piena operatività del Fondo si provvederà a ratificare la Convenzione tra la Regione Veneto e i confidi assegnatari dei fondi, a cui spetta il compito, insieme ad Ance, di individuare criteri di valutazione delle imprese di costruzione che ne descrivano correttamente le dinamiche economico-finanziarie. Stefano Pelliciari, Presidente di Ance Veneto, spiega che "di fronte alle gravi ripercussioni della crisi finanziaria, ci siamo mobilitati tempestivamente per dare un sostegno reale e tangibile a tutte quelle imprese, e di conseguenza a tutte quelle migliaia di famiglie, che si trovano in seria difficoltà. Di fatto, a causa di fattori esterni, quali il mercato bloccato e i ritardi nei pagamenti, gli imprenditori non riescono ad ottenere finanziamenti dagli istituti bancari, vitali in questo momento per la sopravvivenza. Spesso accade che siano gli stessi enti pubblici, vincolati dai relativi Patti di Stabilità, ad essere in ritardo con i pagamenti alle aziende creditrici. Quest’ultime, quindi, per colpe di terzi, subiscono oltre il danno anche la beffa: perdono credibilità nei confronti delle banche e, di conseguenza, non trovano accesso ai prestiti". "Assieme alle Autorità regionali, in particolar modo all’assessore Giorgetti – continua Pelliciari – verso i quali esprimo un sentito ringraziamento per la prova di sensibilità che hanno dimostrato nei confronti dell’industria e della filiera delle costruzioni, Ance Veneto si è interrogata su come risolvere questa reale emergenza. Dalla proficua collaborazione con la Regione, nasce quindi il Fondo di Garanzia Fidi, che abbiamo volentieri affidato all’esperienza di Neafidi. Ritengo che con questo Fondo abbiamo dato segnali forti alle banche, che godranno di una ulteriore garanzia sulla bontà delle aziende". "Il Fondo – conclude il Presidente di Ance – è solo il primo passo: a questo punto, spetta agli istituti di credito concedere, date le premesse, finanziamenti a breve o medio termine. Quello che abbiamo cercato di fare non è altro che dare sollievo alle aziende del settore, anche attraverso il decreto sulla Certificazione dei crediti verso le Regioni e gli Enti locali per dare loro maggiore credibilità e per favorire le banche stesse che riteniamo debbano collaborare per garantire la ripresa economica e diventare veri partner in questo tipo di attività, in nome della responsabilità sociale a cui non possiamo sottrarci. Se ciò non avverrà, si arrecherà un danno non solo al settore stesso ma all’intera collettività, dato che il rilancio dell’economia non può che partire dal comparto edile, traino di tutti gli altri settori. E, a quel punto, a poco servirà la solita caccia al colpevole".