Trovare lavoro con Linkedin: 7 errori da non commettere assolutamente

- Scritto da: Cristiana -

Lavoro e Linkedin: ecco 7 errori da non commettere assolutamente sul nostro profilo per non rischiare di perdere molteplici opportunità di lavoro.

Trovare lavoro grazie a Linkedin è possibile ma ci sono degli errori che non devi commettere assolutamente.
Poche persone al mondo possono vedere il tuo curriculum vitae, ma il tuo profilo Linkedin può essere visitato istantaneamente da milioni di persone. Linkedin è il tuo biglietto da visita nella ricerca di un lavoro.

Quando crei il tuo profilo Linkedin stai comunicando al mondo tutto ciò che vuoi far sapere di te: stai mostrando la tua personalità, ciò che pensi, la tua professione, le tue abilità e la tua creatività. Ecco perché l’ultima cosa che un utente vuole è che il suo profilo Linkedin dia un’impressione sbagliata di scarsa professionalità o di scarsa competenza.

Avevamo già parlato delle potenzialità che Linkedin offre nella ricerca di un lavoro e dei segreti per essere assunti tramite social network. Adesso vedremo, invece, quali sono gli errori da non commettere assolutamente su Linkedin nella ricerca di un lavoro.
Osserva il tuo profilo Linkedin allora e assicurati che non contenga nessuno di questi 7 errori che potrebbero compromettere le tue chance di trovare un lavoro.

1) Non aggiornare il profilo

Linkedin ti permette di creare il tuo biglietto da visita lavorativo sul web ma è anche una comunità di oltre 400 milioni di persone. Gli altri utenti Linkedin vogliono sapere cosa sai fare professionalmente e vogliono sapere se stai lavorando e dove, perciò tenere un profilo aggiornato è fondamentale per non essere scartati da chi cerca persone da assumere. Se il lavoro citato sul tuo profilo non è quello che stai svolgendo attualmente, questo dice molto su di te, sulla tua precisione e sulla tua professionalità.

2) Avere una foto inadatta - o addirittura non averla

La foto profilo su Linkedin è fondamentale. Non deve essere eccessivamente professionale ma deve far capire chi sei.
È un errore avere una foto sfocata, poco chiara o addirittura inesistente, poiché un ipotetico datore di lavoro deve sapere chi sta per contattare. Tutti preferiscono l’immagine di un volto sorridente ad uno spazio vuoto bianco e nero!

3) Scrivere sul profilo Linkedin in un linguaggio incomprensibile

Altro errore comune è l’utilizzo, sul profilo Linkedin, di un linguaggio in stile zombie, del tipo: “orientato a risultati-grandi competenze-problem solving”.
Un linguaggio del genere porterà l’ipotetico datore di lavoro a considerarti come una persona che non ha neanche la voglia di sprecare due parole in più per il suo profilo professionale su Linkedin.
Sostituisci le frasi precedenti con qualcosa del tipo “sono una persona fortemente orientata al risultato” e darai di certo un’impressione migliore.

4) Avere un profilo Linkedin incompleto

Uno tra i peggiori errori che gli utenti commettono su Linkedin è quello di tenere un profilo incompleto.
Segui i suggerimenti di Linkedin e completa passo dopo passo ogni singola sezione del social in modo da renderti più appetibile per i datori di lavoro alla ricerca di profili come il tuo.
Utilizza ad esempio il sommario di Linkedin, un’ottima opportunità per fornire agli altri utenti un riassunto su chi sei, su cosa fai e sulle tue abilità professionali.
Una buona presentazione è un ottimo punto di partenza per fare un’impressione positiva.

5) Avere un numero esiguo di collegamenti su Linkedin

Sicuramente i nuovi utenti di Linkedin avranno un esiguo numero di connessioni sul proprio profilo ed è più che normale. Col passare del tempo, però, è necessario che la rete di connessioni Linkedin cresca se si vuole avere una maggiore visibilità.
Quando fai la conoscenza di qualcuno chiedigli se gli puoi inviare una richiesta di connessione su Linkedin e accresci pian piano la tua rete.
Più persone vedranno il tuo profilo più sarai visibile a tutti i datori di lavoro che cercano lavoratori come te. Più collegamenti stanno a significare più opportunità di lavoro.

6) Avere un profilo Linkedin pieno di errori grammaticali

Uno degli errori peggiori che si possano commettere, durante la creazione di un profilo Linkedin per la ricerca di un lavoro, è quello di pubblicare una pagina piena di errori grammaticali.
Nessun datore di lavoro vorrà assumere una persona che non riesce neppure a scrivere in italiano.
Anche se la correttezza grammaticale non è il tuo forte controlla e ricontrolla il tuo profilo alla ricerca di quegli errori grammaticali che ti farebbero sicuramente perdere innumerevoli opportunità di lavoro. E non sei sicuro di aver controllato bene fatti aiutare da altre persone! La prudenza non è mai troppa in questi casi.

7) Non lasciare raccomandazioni su altri utenti

Altro errore comune è quello di non scrivere raccomandazioni e giudizi positivi su altre persone.
Se hai colleghi, amici o conoscenti su Linkedin, esprimi il tuo feedback positivo sulla loro professionalità e loro faranno altrettanto riempiendo il tuo profilo di commenti positivi.

Insomma Linkedin è solo uno strumento che, se non utilizzato al meglio, non riuscirà a fare nulla da solo. Se sei alla ricerca di un lavoro prendi in mano la situazione, migliora il tuo profilo Linkedin e soprattutto non commettere quegli errori che potrebbero farti perdere molte opportunità.